Stephan Kofler = Reger

La vita del compositore Max Reger (1873-1916) narrata in un suggestivo documentario (43').
Statements

Acquisibile come DVD (15 €) in italiano, tedesco e inglese.(versione PAL + NTSC)

Regia: Andreas Pichler
Sceneggiatura: Ewald Kontschieder & Andreas Pichler
Consulenza: Dr. Susanne Popp,  Karlsruhe/D www.karlsruhe.de/Kultur/Max-Reger-Institut


ORDINARE via mail: muspilli(at)gmx.net

Indirizzo: Assoc. Muspilli, via Karl Wolf 24, 39012 Merano, Italy Tel. +39 0473 443 708

Produzione:
Artivity Film & Media
Valerio Moser (miramonte film) e Ewald Kontschieder

home
trailer Contenuto: Max Reger (1873-1916) è uno dei grandi compositori dell’inizio del ‘900. Dotato di una forte personalità, a suo tempo aveva raggiunto la stessa fama di Richard Strauss. Egli consapevolmente però cercava un percorso individuale, per questo rimase fino ad oggi una figura abbastanza marginale sulla scena musicale. Cinico, millantatore, accademico, sensibile romantico, avanguardista - caratterizzazioni contraddittorie che si avvicinano appena a Reger e che non riescono mai a descriverlo completamente. Nel 1914 Reger visita Merano, luogo di cura nel Tirolo meridionale. Non per sua volontà; perché Reger, nonostante si mostrasse sempre di buonumore, aveva i suoi problemi: lavorava come un forsennato, mangiava e beveva a dismisura, inoltre soffriva di malattie psichiche e nel 1914, per la terza volta nella sua vita, aveva avuto un crollo, incapace di lavorare, aveva dovuto affidarsi alle cure mediche.

“Ossessione musica” racconta la vita di Max Reger vista attraverso il suo soggiorno di cura a Merano. Figura centrale è il Reger “moderno” (amato da Schönberg), che con il suo sentire romantico osa i primi passi nella modernità musicale, che però non vuole o non può completare del tutto il percorso iniziato. L’intero film diventa un gioco visivo, un’immagine che oscilla tra la contemporaneità e l’epoca intorno al 1914, quando Merano era uno dei luoghi di cura più mondani d’Europa.

Tramite flashback associativi si ripercorrono i momenti più importanti della vita di Reger: il periodo di Monaco, di Lipsia, di Meiningen.
Questo documentario presenta fino ad ora l’unica fondata documentazione filmica in italiano su Max Reger. E’ nata in collaborazione con il “Max-Reger-Institut” di Karlsruhe nel 2002.

Protagonista & Organista: Stephan Kofler
Statements ... Herta Müller, Archivio Reger (GER): Il film é un esperimento interessante perché non é né film né documentario, perché il protagonista non viene interpretato da un attore, ma da un musicista che agisce in silenzio, perché una Merano storica e contemporanea viene collegata con questa figura, perché fonti storiche e la musica regeriana si intessono bene nella trama, perché il film informa divertendo, ma provoca anche domande e sollecita un confronto con l’argomento.

Markus Becker, pianista (GER): La mescolanza di epoche rende questo film molto piacevole ed emana un umorismo che umanizza la figura di Reger. Gli attori, per gran parte non professionisti, danno al film una certa freschezza e contribuiscono a rispolverare la nostra immagine in bianco e nero dell’età di Reger. E’ fantastico che qualcuno si impegni a trattare il meno accessibile di tutti i romantici, ne vale la pena.

Reger-Link importanti:
Reger-Institut Karlsruhe
Reger-Archiv Meiningen
TOP

.